NOI, LIBERI DALLE AGROMAFIE

libera

Il giorno 24 febbraio 2020 alcune classi del Liceo “M.T.Cicerone”, indirizzo Scienze Umane, hanno partecipato ad un incontro, organizzato dall’Associazione "Libera contro le mafie",  con il sociologo Marco Omizzolo, autore del libro “ Sotto padrone. Uomini,donne e caporali nell'agromafia italiana”.

 Una mattinata densa di emozioni e interessi sul tema delle agromafie e sul senso di responsabilità solidale.

 Tutti si sono sentiti coinvolti dal racconto dello scrittore, che nella partecipazione interattiva delle studentesse e degli studenti, ha evidenziato la rilevanza dell’essere cittadini critici e consapevoli della realtà.

 Si è scoperto che nel territorio dell’ Agro Pontino alcune persone vivono in modo disumano, ai limiti della schiavitù.

Il sociologo ha intrapreso un viaggio nel cuore delle agromafie, tra caporali e padroni che lucrano sul lavoro di donne e uomini, spesso stranieri, sfruttati nelle serre italiane. Nella sua testimonianza, Omizzolo ha parlato di braccianti indotti ad assumere sostanze dopanti per lavorare come schiavi a maggiore produttività, di minori che vivono in condizioni di brutale sfruttamento.

 Omizzolo, infatti, si è infiltrato tra i braccianti indiani nell'Agro Pontino e ha proseguito fino alla regione indiana del Punjab, sulle tracce di un trafficante di esseri umani.

 Da attento sociologo ha svolto con coraggio un'inchiesta sul campo, che partendo dall'osservazione è arrivata alla mobilitazione: scioperi, manifestazioni, denunce per rovesciare un sistema che si può e si deve sconfiggere insieme.

 Dalla sua documentata esperienza è emersa l’importanza di essere educati alla legalità democratica, all’impegno contro la corruzione, alla giustizia sociale, a non “abbassare lo sguardo”, a vivere costantemente una cittadinanza attiva e consapevole, fondata su scelte di responsabilità.