“Mi casa es tu casa” - Settembre 2018

01.Mi casa es tu casa

       “Mi casa es tu casa”: Scambio culturale Liceo Cicerone – IES Bendinat

22 studenti del Liceo Linguistico “Cicerone” (classi 5AL, 5BL, 5CL, 5DL) , accompagnati dalle docenti prof.sse Rita Alicandro e Beatrice Romeo, hanno partecipato alla seconda fase dello scambio culturale con l’Istituto IES Bendinat svoltosi a Palma de Mallorca dal 22 al 27 settembre 2018.

Qui di seguito il puntuale ed emozionante diario di bordo redatto dall’ alunna Maria Ida Romeo (5BL).

“Non penso di aver mai visto un tramonto così bello in vita mia, il finestrino dell’aereo è piccolo, ma è capace di farti arrivare densamente e pienamente tutte le emozioni che un’ esplosione di colori caldi in un cielo azzurrino può trasmetterti. Sotto di noi, la Sardegna, la Corsica, la costa occidentale dell’Italia e un’ampia distesa blu, il mare, ci accompagnano nel nostro straordinario viaggio verso Palma de Mallorca. Forse tutta questa “magia” la percepisco maggiormente, perché ognuno di noi non vede l’ora di atterrare per riabbracciare il proprio compagno spagnolo conosciuto ad aprile, nella prima fase dello scambio culturale, quando gli studenti dell’Istituto IES Bendinat sono venuti a Formia per condividere, con noi ragazzi del Liceo “Cicerone”, lingua, cultura, tradizioni ma, soprattutto, emozioni uniche ed irripetibili. Da quel momento in poi sono nate delle amicizie forti, che si spera continueranno in futuro. Sono le nove di sera di sabato 22 settembre, siamo appena arrivati nel moderno aeroporto della città di Palma, ci incamminiamo verso l’uscita, ed eccoli, li vediamo, ci stanno aspettando, anche loro impazienti di rivederci.

Palma è una città costruita nei secoli, con il suo grande e fiorente porto turistico e commerciale, i viali alberati di palme, i palazzi antichi e i monumenti che sono il punto d’incontro tra la civiltà romana e quella araba. Il centro storico, caratterizzato dall’immensa cattedrale gotica, unica al mondo a sorgere sul mare, é costellato da palazzi altrettanto antichi e imponenti, ora sede di musei e mostre. Insieme all’antico, coesiste lo stile Modernista e l’ultramoderno con i super illuminati e lussuosi hotel e casinò che costeggiano il litorale.  La sera stessa dell’ arrivo, con i ragazzi spagnoli, andiamo a Magaluf, zona costiera, centro della movida maiorchina. La domenica inizia con la visita al Castello di Bellver (una fortezza in stile gotico maiorchino risalente al XIV secolo da cui si ammira uno splendido panorama sulla città), per proseguire, poi, verso la cittadina di Artà, con la visita guidata in lingua spagnola ai resti di Ses Paisses, un insediamento talaiotico dell’età del bronzo. Il lunedì , dopo aver ricevuto il benvenuto dai docenti referenti del progetto del IES Bendinat, mostriamo ai ragazzi del primo anno di “bachillerato”(corrispondente al nostro terzo anno) i video e i power point riguardanti le bellezze della nostra zona, creati in classe durante le ore di Alternanza scuola lavoro. Successivamente, ci dividiamo in varie classi dove presentiamo, in lingua, alcuni degli argomenti studiati durante lo scorso anno in letteratura spagnola (la vita e l’opera di Cervantes, El burlador de Sevilla di Tirso de Molina) e partecipiamo alle lezioni di Storia e di Arte tenute dai docenti del Bendinat. Questo, forse, è uno dei momenti più intensi dello scambio, perché ci permette, attraverso il confronto con gli studenti, di percepire affinità e differenze e di condividere il nostro bagaglio storico e culturale. Una vera full- immersion, non solo nella lingua e nella cultura spagnola, ma anche nelle curiosità e nella vita di tutti i giorni; ci confrontiamo, scopriamo e ridiamo insieme delle analogie e diversità delle rispettive istituzioni scolastiche. Bellissima e avventurosa l’escursione alla riserva naturale dell’ Isola di Cabrera, dichiarato Parco Nazionale Marino-Terrestre dal 1999. Immersi nella natura, con il sottofondo delle onde e il fruscio delle foglie mosse dal caldo venticello che soffia leggero e impalpabile nell’aria, camminiamo insieme a “Les sargantanes”, ( le tipiche lucertole simbolo delle Isole Baleari) e nuotiamo in acque cristalline popolate da una grande varietà di pesci. Molto interessante la passeggiata nel centro storico di Palma con la visita guidata, in lingua spagnola, del Palazzo reale dell’Almudaina e della Cattedrale . Ma lo scambio avviene anche a livello gastronomico, con la degustazione di alcuni piatti tradizionali come la paella, la tortilla de patatas e la ensaimada, il dolce tipico di Mallorca. E come ogni cosa che prima o poi finisce, anche questa volge al termine, ma ognuno di noi ritorna a casa con emozioni indescrivibili. Ogni attimo, ogni battuta, ogni risata resterà sempre incisa dentro di noi.

Scrivendo queste righe, ho ancora i brividi e le lacrime agli occhi al ricordo di tutti i momenti passati insieme ai nostri compagni spagnoli. Certo, il distacco è triste, (l’addio di 44 ragazzi all’aeroporto sembra quasi una scena di un film!), ma siamo consapevoli di aver vissuto un’esperienza unica e intensa. Per questo, concludo con un   grazie speciale alle docenti che ci hanno accompagnato in questa avventura: la prof.ssa Rita Alicandro, che da sette anni cura e promuove uno dei progetti più belli ed emozionanti che il Liceo Cicerone offre, e la prof.ssa Beatrice Romeo per la sua puntuale e attenta collaborazione.

Un ultimo consiglio agli studenti del Liceo Cicerone:“Gli scambi culturali sono, davvero, una grande opportunità…non lasciatevela scappare!”.

Maria Ida Romeo ( classe 5BL)